Futurista appassionato
  • Imprenditore, Comunicazione, Creazione e sviluppo Format, Founder EmotiCoin, Lobo Productions, Funky Company, Verdi Remix, presso Lobo Productions & EmotiCoin:-)
  • Ha studiato Comunicazione e creazione format presso Artistico
    Class of da vendere
  • Vive a Milano
  • Città di nascita Reggio Emilia
  • Uomo
  • In una relazione
  • 05/01/1966
  • Seguito da 244 Persone
Informazioni di base
  • Fai parte di EmotiCoin :-) come:
    Staff
Collegamenti social
  • pensavo oltre il 90%
    0 0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • Prezzo Bitcoin soffre: colpa di una balena?

    Come accennato, molti osservatori hanno ricondotto il recente deprezzamento della quotazione a quanto comunicato da OKEx, una piattaforma criptovalutaria con sede a Hong Kong che, secondo quanto emerso nelle ultime ore, avrebbe assistito inerme alla liquidazione di circa 420 milioni di dollari di BTC.

    A far luce sulla vicenda che ha fatto scivolare ancora il prezzo del Bitcoin è stato lo stesso exchange, che in un comunicato ha tentato di chiarire l’accaduto.

    “Il cliente con ID 2051247 ha aperto un grande e inusuale ordine di posizione long (4168515 contratti) alle ore 02:00 del 31 luglio e ha fatto scattare il nostro sistema di risk management.”

    Nel momento in cui il team della piattaforma ha cercato di contattare il cliente, chiedendogli di chiudere parzialmente le posizioni per limitare i rischi di mercato, egli si è rifiutato di collaborare. La decisione dell’exchange è stata immediata e l’account del cliente è stato congelato per prevenire ulteriori incrementi di posizioni.

    “Poco dopo aver preso questa decisione preventiva, il prezzo del Bitcoin ha vacillato causando la liquidazione dell’account.”

    In sintesi, il trader ha ammassato una grande fetta di futures, corrispondenti a 416 milioni di dollari ed ha scommesso sulla salita della quotazione. Poco dopo però questa ha perso terreno, facendo scattare la funzione automatica di liquidazione della posizione.

    L’incidente, avvenuto lo scorso 31 luglio, è stato comunicato soltanto il 3 agosto e secondo numerosi esperti di mercato potrebbe aver determinato la discesa della quotazione sotto i $7.000. Al momento della scrittura, comunque, il prezzo del Bitcoin sta scambiando su quota $7.084.
    0 0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • Responsible Social Trading
    0 0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • INTERESSANTE e non tanto per Ripple...
    Samsung accetterà Ripple e diverse altre criptovalute come metodo di pagamento.

    Una notizia decisamente interessante che ha però mancato di suscitare nella quotazione di XRP una qualche reazione degna di nota.

    La terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato ha recuperato quota rispetto ai minimi di venerdì, giornata in cui è scesa su quota $0,449, ma non è comunque riuscita a dar vita all’atteso rally.

    L’accettazione da parte di Samsung non è stata in grado di risollevare la quotazione di Ripple più in alto di $0,46, e la capitalizzazione della criptovaluta ha stentato a riportarsi sopra i 18 miliardi di dollari.
    Samsung apre a Ripple e Co.

    Alla schiera di banche e istituzioni sempre più interessate al fenomeno criptovalute si è aggiunta oggi anche Samsung. Il gigante ha infatti confermato che accetterà non soltanto Ripple, ma numerose altre valute virtuali come metodo di pagamento.

    Per il momento sarà possibile effettuare acquisti in criptovalute soltanto negli store di Tallinn, Riga, Vilnius e Kaunas. Quindi soltanto l’Estonia, la Lettonia e la Lituania inizieranno a sperimentare l’apertura di Samsung nei confronti di XRP e Co.

    I consumatori saranno in grado di comprare TV, smartphone e molto altro ancora tramite una piattaforma chiamata CopPay. La speranza di Samsung è che l’ampliamento dei metodi di pagamento impatterà positivamente sui conti e sulle vendite aziendali.

    Ripple, invece, si augura che l’apertura del gigante ridurrà la FUD, ossia la paura, l’incertezza e i dubbi (Fear, Uncertainty, Doubt) sullo stato legale di XRP.

    Al momento della scrittura, nonostante l’accettazione di Samsung, la quotazione di Ripple sta scendendo dello 0,69% e sta scambiando su quota $0,452.
    0 0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • MediChain: con blockchain e big data, verso la rivoluzione del settore sanitario

    Flavia Provenzani

    16 Febbraio 2018 - 09:19

    Commenti: 0
    La società vuole rivoluzionare il settore sanitario attraverso l’uso di blockchain e big data. Keith Teare, imprenditore d’esperienza, si unisce al progetto.
    MediChain: con blockchain e big data, verso la rivoluzione del settore sanitario

    MediChain, piattaforma per i big data del settore sanitario, ha l’obiettivo di rinnovare l’intero comparto, in particolare i sistemi di registrazione delle cartelle cliniche elettroniche, il processo di dimissione dei pazienti e la cooperazione tra ospedali, pazienti, aziende farmaceutiche, assicuratori e ricercatori. Con una mission del genere è già grande l’appoggio da parte di importanti visionari.

    La società ha annunciato la nomina dell’imprenditore Keith Teare, noto per la sua capacità di scovare aziende innovative, all’interno della sua commissione consultiva.

    MediChain incontra la domanda dei pazienti, che vogliono un mercato trasparente sul fronte delle cartelle cliniche elettroniche e un maggiore controllo sulle informazioni personali. La società, inoltre, sta attirando l’attenzione delle società farmaceutiche e di altri attori grazie ai big data anonimizzati che raccoglierà sulla sua piattaforma MediChain.

    All’inizio della sua carriera Keith Teare si è concentrato sui vantaggi dei dati condivisi e del networking. Da allora ha identificato delle strategie per creare e generare valore dai prodotti basati sul web. Come fondatore e CEO di RealNames, ha creato un sistema di denominazione multilingue basato su parole chiave naturali. RealNames è stato incluso nel browser Microsoft all’inizio del 2000 ed è stato valutato oltre $1,5 miliardi.

    Oltre a collaborare con Mike Arrington nella co-fondazione di TechCrunch, un editore online di notizie sul settore tecnologico, e di Edgeio, un distributore di annunci e inserzioni, Teare ha finanziato e guidato NetNames, che ha fondato il principale integratore di sistemi del Regno Unito Clerkswell e co-fondato CYBERIA, uno dei primi Internet café del mondo. Ha anche un’esperienza significativa nel mercato dei dispositivi mobili, grazie al suo lavoro sul «motore di ricerca per app» Quixey e nell’incubatore di imprese Archimedes Labs. Attualmente è presidente esecutivo di Accelerated Digital Ventures, che eroga finanziamenti e fa formazione alle startup tecnologiche del Regno Unito.

    Da tempo Teare è un forte sostenitore dei vantaggi della tecnologia blockchain, convinto che diventerà parte integrante delle nostre vite. Ha dimostrato questa sua convinzione tramite il supporto alle ICO di maggior successo, dando consulenza ad ICOBox, il principale fornitore di soluzioni SaaS per la gestione di ICOs, e alla criptobank digitale Crypterium.

    Teare rivolge ora la sua attenzione a MediChain:

    "Quando ho visto la portata dell’ambizione e della vision di MediChain, mi sono reso conto che l’azienda ha ciò che serve per rinnovare il settore sanitario. Stanno concretizzando l’obiettivo a lungo dichiarato di ridare il controllo ai pazienti, aumentando l’accuratezza dei dati medici e migliorando l’efficienza sanitaria.

    E finalmente i dottori avranno la possibilità di studiare la cartella clinica completa di un paziente. MediChain ha il know-how nell’utilizzo della blockchain per arrivare a questa vision".

    Come parte della sua vision, la piattaforma MediChain consentirà ai pazienti di decidere da soli quali informazioni vogliono condividere con gli ospedali e gli altri fornitori di assistenza sanitaria a livello nazionale o globale.

    L’azienda sta implementando delle tecnologie all’avanguardia per raggiungere i suoi obiettivi, come sottolinea Teare: «MediChain si distingue dalla concorrenza poiché sfrutta il potenziale delle diverse tecnologie. Ad esempio, utilizza il machine learning per scavare più a fondo e raccogliere maggiori informazioni dai big data. Se la società raggiungerà questi obiettivi, sono convinto che sarà un contributo significativo per l’umanità».

    Il Dott. Mark Baker, Amministratore Delegato di MediChain, ha commentato l’arrivo della nuova risorsa all’interno della commissione consultiva della società:

    «Come me, Keith è un grande fan dei Big Data e delle opportunità incalcolabili nell’utilizzo della blockchain per apportare dei cambiamenti, così necessari nel settore sanitario. Siamo entrambi motivati dal desiderio di trasformare il settore a beneficio di tutti e di mettere il consumatore al primo posto in ogni momento».

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Argomenti: Blockchain Big data
    0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • BuonGiorno!, Good Morning, Buenos Dias, BonJour, Bom Dia, Jambo, صباح الخير , Guten morgen, Dzien Dobry, Dobro Jutro. Foguni , Mwa Shibukeni, Naka Soubasi,
    I ni bara!
    https://vimeo.com/240512614

    ISOLA
    * For a better experience play this film in 4K and use headphones. ••• ' Every time I go back to Sardinia to visit my family, I see this abandoned building in front of the sea. I felt it was the perfect place for Léo Walk and his choreographic imagination to perform, surrounded by the ruins, the surreal light of the costa verde and the intense voice of Mercedes Sosa. It creates this subtle feeling between vitality and melancholy that I wanted to express in this film. Sit back and enjoy! ' ••• FR ☞ http://www.konbini.com/fr/inspiration-2/isola-quand-la-danse-mele-avec-brio-modernite-et-melancolie/ ENG ☞ http://www.c-heads.com/2017/11/03/isola-a-short-dance-film-between-vitality-and-melancholy/ ••• Behind The Scenes ☞ https://vimeo.com/238974509 Shot in Todd AO anamorphics + Red Helium 8K. Sardinia, September, 2017. ••• Dancer: Léo Walk Director: Neels Castillon Cinematographer: Eric Blanckaert 1st AC: Kevin Rosé 1st AD: Sébastien Rouquet BTS Video: Thibaut Koralewski Location Manager: Alessandro Usai Production Company: http://motionpalace.tv Executive Producer: Ariane Cornic Producer: Marie-Gabrielle Glock Production Coordinator: Sandrine Laveau Post-production: Mikros Image Colourist: Sébastien Mingam VFX: Anthony Lassus Operations manager: Nicolas Daniel Sound Production: Benzene Sound Design: Loic Cavenet Sound mix: Hugo Escuriol Camera & Lenses: RVZ ••• SPECIAL THANKS to Angèle Van Laeken, Lucie Delaye, Thomas Pallas, Samuel Renollet, Frédéric Lombardo, Cédric Dauch, J.M Weston, Franca Usai, B&B La Magnolia, Jean-Lin Roig, Adrien Kamir, Maja Unrug, Alberto Porcedda. ••• MUSIC "Alfonsina Y El Mar" Performed by Mercedes Sosa (P) 1988 PolyGram Discos S.A Courtesy of Universal Music Publishing Films & TV Lyrics & Music by Ariel Ramirez and Falucho Luna © Editorial Lagos Courtesy of Warner Chappell Music France
    Vimeo
    0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • Litecoin vola, i trader approfittano del Litecoin Cash in arrivo tramite hard fork
    Finanza e Mercati
    flavia.provenzani
    1g
    1

    La quotazione del Litecoin3 è salita velocemente dall’inizio della settimana. Dopo ondate di forte volatilità, la criptovaluta è ora in avanzo di circa il 36% da lunedì e viaggia a quota 232 dollari.

    Il Litecoin sta beneficiando di una serie di fattori rialzisti, tra cui l’attesa del mercato per una hard fork che premierà chi è già in possesso della criptovaluta.
    Hard fork in arrivo per il Litecoin

    Il prezzo del Litecoin è salito velocemente con l’anticipazione dell’hard fork in programma domenica 18 febbraio, dalla quale nascerà il Litecoin Cash - una nuova valuta digitale simile a Litecoin. Una volta concluso il processo di divisione, chi è in possesso di Litecoin per ogni token riceverà 10 unità di Litecoin Cash, che sarà noto sul mercato con il simbolo LCC.
    Domanda in aumento in attesa del Litecoin Cash

    Gli operatori stanno comprando in massa il Litecoin in previsione di questo evento, contribuendo ad aumentare il prezzo della moneta digitale. L’acquisto della criptovaluta appare pressoché ovvio agli occhi di coloro che desiderano speculare grazie al Litecoin prima del tempo.
    L’allarme di Charlie Lee

    Charlie Lee, creatore di Litecoin, ha lanciato l’allarme contro hard fork simili, affermando in un tweet che: «Il team del Litecoin ef io non stiamo biforcando il Litecoin. Tutte le biforcazioni di cui si sente parlare sono una truffa che cerca di confonderti nel pensare che sia collegato al Litecoin».

    «Non cascarci e sicuramente non inserire le tue chiavi private nel loro sito web o client», ha aggiunto.
    PSA: The Litecoin team and I are not forking Litecoin. Any forks that you hear about is a scam trying to confuse you to think it's related to Litecoin. Don't fall for it and definitely don't enter your private keys or seed into their website or client. Be careful out there! https://t.co/qXbiIxp5Al — Charlie Lee [LTC] (@SatoshiLite) 4 febbraio 2018
    L’impatto di LitePay

    Alcuni osservatori del mercato indicano il prossimo lancio della soluzione LitePay, che potrebbe aiutare a stimolare una maggiore adozione di Litecoin rendendo più facile per le aziende accettare la valuta digitale, come un ulteriore fattore rialzista che sta sostenendo la quotazione.
    0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • Quanto costa produrre un Bitcoin?

    Cristiana Gagliarducci

    16 Febbraio 2018 - 10:49

    16 Febbraio 2018 - 12:52

    Commenti: 0
    Quanto costa produrre un Bitcoin? L’attività di mining non è esente da spese che, il più delle volte, risultano quasi eccessive.
    Quanto costa produrre un Bitcoin?

    Il fenomeno Bitcoin non smette di entusiasmare e sono in molti, ormai, a voler conoscere tutto della criptovaluta più famosa al mondo.

    Tra gli aspetti più discussi sicuramente quello legato al costo di produzione della stessa. Ci si chiede in altre parole quanto costa produrre Bitcoin tramite quell’attività di mining (o estrazione) sempre più conosciuta sul mercato.

    Con il termine mining facciamo riferimento a quel processo tale per cui individui o aziende dotate di computer decisamente potenti, risolvono complessi problemi matematici “chiudendo” e validando così i singoli blocchi della Blockchain.

    Computer potenti hanno un costo elevato, ma soprattutto implicano un alto consumo di energia elettrica. Per questo motivo non vi è una risposta univoca a chi si chiede quanto costa produrre un Bitcoin.
    Dove costa di più produrre BTC

    Produrre Bitcoin costa davvero molto in Corea del Sud, che è tra l’altro uno dei mercati criptovalutari più attivi ed imponenti del mondo. Qui, secondo un’indagine della Elite Fixtures riportata qualche ora fa dalla Cnbc, il costo per produrre un solo Bitcoin si aggira intorno ai 26.170 dollari.

    L’analisi è stata condotta sulla base dei prezzi dell’energia di 115 differenti Paesi (e con tre diverse piattaforme di estrazione l’AntMiner S7, l’S9 e l’Avalon 6), utilizzando i dati governativi, quelli delle società del comparto utility e quelli dell’Agenzia Internazionale dell’energia:

    Tra i Paesi più costosi, ancora stando ai suddetti dati, anche Niue, uno Stato insulare dell’Oceano Pacifico meridionale in cui l’attività di mining di Bitcoin costa 17.566 dollari per criptovaluta.

    In Danimarca e in Germania, invece, minare una sola criptovaluta BTC costa circa 14.000 dollari, mentre in Belgio più o meno $13.400. Ma quanto costa produrre un Bitcoin in Italia? Anche il Belpaese si trova nella parte alta della classifica con un costo di circa 10.000 dollari.

    Secondo la ricerca, i 5 Paesi dove la produzione di Bitcoin (il mining) è più onerosa sono:

    Corea del Sud: $26.170
    Niue: $17.566
    Bahrain: $16.773
    Isole Salomone: $16.209
    Isole Cook: $15.861

    Dove dove costa meno?

    Tra i Paesi più economici troviamo sicuramente Caracas. Più volte il BTC è stato identificato come la soluzione alla crisi del Venezuela, soprattutto in virtù di un costo dell’energia decisamente inferiore alla media.
    Circa 531 dollari: ecco quanto costa produrre un Bitcoin nel Paese di Nicolas Maduro.

    Di seguito i primi 5 Paesi in cui il mining di BTC è meno oneroso:

    Venezuela: $531
    Trinidad e Tobago: $1.190
    Taiwan: $1.190
    Uzbekistan: $1.788
    Ucraina: $1.85
    0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • Emoticoin Music Time

    Funky Company Story Live nel 1996

    https://youtu.be/jF-XQxfdMQ8?t=414
    0 0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
  • Forse sarà l'unica promessa elettorale mantenuta nella storia...
    0 Commenti 0 condivisioni
    Effettua l'accesso per mettere mi piace, condividere e commentare!
Altre storie